Quante emozioni può regalare un rito civile
Sempre più location si attrezzano per celebrare riti civili da sogno...ho assistito a cerimonie che si sono rivelate emozionanti. Ne ho una, in particolare, nel cuore: quella di Miriana e Giulio, Settembre 2020...
sossposi, sposi, sos, blog, cerimonia, musica, daniela d'errico, cantante, danieladerrico, musica cerimonia, live band, pranzo, cena, special moments, balli, openbar, emozioni, commozione, rito civile
2678
post-template-default,single,single-post,postid-2678,single-format-standard,bridge-core-2.5.4,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-23.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive
 

Quante emozioni può regalare un rito civile

Marzo 2021

Negli ultimi anni sempre più coppie hanno optato per il rito civile. Qualcuno pensa che possa essere una cerimonia troppo “formale” e che tenda a mancare di emozione… vi assicuro che non è affatto così.

Sempre più location si attrezzano per celebrare riti civili da sogno. Posso testimoniare che, grazie alle composizioni floreali, all’accompagnamento musicale, alle giuste letture, al toccante scambio delle promesse, ho assistito a cerimonie che si sono rivelate emozionanti.

Ne ho una, in particolare, nel cuore: quella di Miriana e Giulio, Settembre 2020.

Premetto che sono stata ingaggiata solo qualche giorno prima delle nozze, quindi non ho avuto modo di vedere e conoscere gli sposi, come di solito avviene. Ho sentito la sposa telefonicamente e, nel poco tempo a disposizione, ho studiato i brani che avevano piacere venissero eseguiti durante la giornata.

Il Matrimonio era così strutturato: cerimonia civile in esterno, aperitivo all’ombra di un pergolato e cena all’interno in una ampia e splendida sala.

Mi accompagnava un collega chitarrista; gli sposi desideravano musica live in acustica, durante la cerimonia, e un sottofondo soft durante il pranzo. Per il momento dei balli, la sposa aveva preparato una playlist fantastica, sulla quale tutti su sono scatenati alla grande.

Vi descrivo in breve la cerimonia: “Gli invitati prendono posto e, su una dolce melodia accuratamente scelta, fa il suo ingresso Giulio, seguito dalle damigelle. Poi… ecco Miriana. Sulle note del brano da loro richiesto, “The book of love” di Peter Gabriel, percorre la passerella con indosso il suo bellissimo abito e gli occhi già pieni di emozione.

Dopo l’iniziale discorso del celebrante, arriva il momento dello scambio delle promesse. Con il cuore in mano, Miriana e Giulio leggono le promesse, precedentemente scritte l’uno per l’altra. Non un invitato senza un fazzoletto in mano… sembra quasi di essere in un film. Non avevo mai visto, prima di allora, due persone dedicarsi e augurarsi tanto amore così spontaneamente e sinceramente. Anche le letture degli ospiti, vi assicuro, meritano di essere ricordate. Infine, finalmente marito e moglie, Miriana e Giulio, accompagnati dagli applausi degli invitati, ripercorrono insieme la passerella sulle note di “Perfect” di Ed Sheeran.”

Non avete idea della fatica che ho fatto a cantare tutto il brano che mi è stato richiesto per l’ingresso della sposa… Sono una “sensibilona”, mi capita spesso di commuovermi, ma in quell’occasione l’emozione è stata così forte che la mia voce ha seriamente rischiato di “spezzarsi”. Ebbene sì, voi vi sposate e io piango…

Avete presente la postazione dei musicisti durante una cerimonia civile? Il più delle volte siamo alle spalle del celebrante o al lato, ma comunque belli in vista. La mia speranza che nessuno mi notasse è stata vana. Infatti un’ora dopo, chiacchierando con la mamma della sposa, ho compreso che mi avevano vista tutti. Anche perché non mi sono limitata a piangere solo una volta…

E’ stata una cerimonia speciale, principalmente grazie all’amore che si respirava, ma anche la cornice era perfetta: la location, gli allestimenti, i fiori, le promesse degli sposi e il coinvolgimento degli invitati. Certo, anche la musica ha contribuito a rendere così meraviglioso questo momento, forse anche la mia voce spesso strozzata dall’emozione…

Alla fine della giornata, arrivato il momento dei saluti e degli abbracci, è stato come salutare e abbracciare persone conosciute da una vita.

Quando vado a casa con il sorriso stampato in volto vuol dire che ho fatto un buon lavoro, che ho contribuito a rendere speciale la vostra festa. Non c’è nulla di più bello, per chi fa il mio lavoro. Esiste un vero e proprio scambio di energia tra chi suona e chi ascolta, ed è questo il motivo che mi fa scegliere tutti i giorni di svolgere questa professione.

Grazie Miriana e Giulio per le emozioni che mi avete regalato.

La Rubrica di Daniela

Cari Sposi, in queste pagine troverete qualche consiglio, in base alla mia esperienza, su diversi aspetti della Musica per il vostro Matrimonio…

No Comments

Post A Comment